I multiformi talenti di Shirley Temple

Nata a Santa Monica, in California, il 23 aprile 1928, Shirley Temple ha conquistato il mondo dello spettacolo alla tenera età di quattro anni, quando fu notata da un agente e scritturata per una serie di cortometraggi.

Grazie al suo fascino naturale e alla persistenza della madre (che sosteneva che la figlia fosse un anno più giovane del reale), la Temple è arrivata rapidamente alla grande occasione ottenendo un ruolo da protagonista nel film Stand Up and Cheer. Si trattava del periodo immediatamente successivo alla Grande Depressione economica che colpì gli Stati Uniti e il sorriso di Shirley Temple divenne immediatamente un’icona della determinazione e del rinnovamento del Paese.

Il primo successo gli valse un contratto con la 20th Century Fox. Si distinse immediatamente per il suo valore non solo come attrice, ma anche come ballerina e cantante. Celeberrime, infatti, sono le canzoni come Animal crackers in the soup e Goodnight my love. Fu invece con Paramount che recitò in Little Miss Marker e consolidò definitivamente la sua fama.

A sei anni, Temple aveva già recitato in 20 film: la sua popolarità ed il successo commerciale salvarono la 20th Century-Fox dalla bancarotta in cui stava cadendo.

Tuttavia, passando gli anni, modificò rapidamente la propria fisionomia e mutò da bambina candida quale era in un’adolescente in rapida crescita. Questo inevitabile cambiamento allentò il successo dei suoi ruoli ed infatti nessuno dei film degli anni ’40 fu in grado di competere al botteghino con i precedenti.

Messe da parte le esperienze cinematografiche ed artistiche, decise di sposare, nel 1950, un importante uomo d’affari, Charles Alden Black, che la avvicinò alla vita politica con orientamento repubblicano.

Appoggiò la campagna di Eisenhower / Nixon e ciò la mise in luce anche per il valore politico della propria personalità.

La svolta nella carriera avvenne nel 1959: Richard Nixon la nominò come delegato alle Nazioni Unite per gli Stati Uniti. Nel 1974, Gerald Ford la designò ambasciatrice in Ghana, anche se la notizia causò delusione e discussioni negli ambienti diplomatici, che la consideravano poco qualificata per il ruolo affidatole. In ogni caso il responso fu positivo e vi restò fino al 1977.

Shirley Temple
Shirley Temple all’età di sedici anni, con il Primo Ministro canadese Mackenzie King.

Il suo ultimo incarico diplomatico le venne dall’amministrazione Bush, nel 1989, quando fu designata ambasciatrice in Cecoslovacchia. Mantenne il posto per quattro anni, sullo sfondo della fine del comunismo in Europa orientale.

Nel corso della sua vita adulta e della carriera diplomatica, la Temple sottovalutò spesso i suoi trascorsi artistici (recitazione, ballo e canto) vedendovi più una parentesi che una vera e propria formazione.

Tuttavia, i numerosi fans e gruppi di collezionisti delle sue icone testimoniano che il suo successo cinematografico, ancora adesso – ad un anno dalla morte – è tutt’altro che volatile.

I multiformi talenti di Shirley Temple ultima modifica: 2015-07-07T14:37:44+00:00 da luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *