Pakeezah, un capolavoro di Bollywood

Pakeezah è un film indiano del 1972 scritto e diretto da Kamal Amrohi.

Il film racconta di Sahibjaan, interpretata da Meena Kumari, che nasce in gran segreto all’interno di un cimitero dalla cortigiana Nargis, la quale è appena stata respinta dalla famiglia del suo amato Shahabuddin, Ashok Kumar. Nagir, anch’essa interpretata dall’attrice Meena Kumari, non sopravvive al parto e la bimba viene affidata alle cure della sorella maggiore Nawabjaan che gestisce un bordello. La piccola cresce e diventa una bella e molto famosa cantante e ballerina. Salim Ahmed Khan, la guardia forestale interpretata da Raaj Kumar, viene stregato dalla bellezza e dall’eleganza della giovane Sahibjaan, la fa innamorare di lui e la convince a fuggire insieme.

Pakeezah

I due incontrano non pochi problemi durante la loro fuga d’amore, anche perché Sahibjaan viene riconosciuta da tutti gli uomini in qualsiasi posto si trovi. Salim vuole dimenticare il passato della sua donna, così decide di ribattezzarla con il nome di Pakeezah, che significa “pura di cuore”, e la porta in una chiesa per ufficializzare la loro unione, ma questa scappa per tornare al bordello della sorella. Salim si rassegna alla fine di questo amore, incontra un’altra donna che sceglie di sposare. Il ragazzo decide di invitare la bella Sahibjaan a ballare alle sue nozze, lei accetta e l’ironia della sorte vuole che al matrimonio sia presente Shahabuddin, il quale, assieme alla sua famiglia, assiste alla performance della figlia.

Uno degli elementi che contraddistinguono le produzioni di Bollywood è la presenza di travolgenti balli che si integrano con la storia. Sono danze tipicamente hindi che coinvolgono gli spettatori con ritmi unici e melodie entusiasmanti e che danno ancora più colore e dinamicità al racconto. Negli ultimi decenni la Bollywood Dance ha raggiunto ed entusiasmato anche il gusto occidentale, contribuendo al successo e alla ‘esportazione’ della cinematografia indiana negli Stati Uniti, in primo luogo, e infine anche nella ‘vecchia’ Europa.

La colonna sonora di Pakeezah è stata composta da Ghulam Mohammed e da Naushad Ali, mentre i testi sono di Kaifi Azmi, Majrooh Sultanpuri, Kamal Amrohi e da Kaif Bhopali.

Pakeezah è stato girato in quasi 14 anni, a causa di diversi accadimenti che ne hanno rallentato la realizzazione. Durante le riprese, la relazione personale che si era instaurata fra la protagonista, Meena Kumari, e il regista Kamal Amrohi cambiò, morirono il compositore della colonna sonora e il direttore della fotografia e alcuni ruoli vennero riassegnati. Nonostante queste vicende, il film rientra nella lista dei capolavori del cinema bollywoodiano, tanto che un anno dopo la sua uscita si aggiudicò il Premio Filmfare Best Art Direction Award, assegnato dalla rivista Filmfare.

La pellicola riscosse da subito un grande successo ed è tuttora considerato un film culto.

Pakeezah, un capolavoro di Bollywood ultima modifica: 2015-08-18T09:00:55+00:00 da luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *