L’arte figurativa e la danza

La dimensione della danza è uno dei temi più sviluppati e presenti all’interno della storia delle arti. Dalla letteratura, alla poesia, alla pittura e scultura, sono numerosi gli esempi che fanno riferimento a questa forma d’arte così importante all’interno della cultura dell’umanità. La danza è un linguaggio che esprime il movimento della vita, che si esprime e manifesta attraverso un’armonia di forme e movimenti. Appare così chiaro di quanto anche a livello estetico quello della danza sia un mondo particolarmente caro all’arte.

Da Canova, a Matisse, a Mirò, a Picasso, Severini, e Renoir, la storia dell’arte è costellata di episodi legati a questa dimensione espressiva. In particolare, uno dei movimenti che hanno più ricorso alla danza come elemento chiave della composizione è l’impressionismo. Si tratta di un movimento che si è concentrato su quello che l’occhio realmente percepisce della natura e del mondo circostante, dunque delle “impressioni”, non mirando dunque a una costruzione perfetta della realtà da realizzare sulla tela. Appunto, gli artisti impressionisti sono stati molto colpiti dalla natura o dalle scene di vita urbana con le sue abitudini, i suoi momenti di svago, i centri di aggregazione.

Renoir è uno dei pittori che hanno sviluppato il tema all’interno dei propri lavori come il celebre Bal au moulin de la Galette del 1876 o Dance at Bougival del 1882 o City Dance del 1883. Nel primo caso viene riprodotto un momento di svago collettivo degli ambienti borghesi francesi, mentre nei due successivi lavori abbiamo una visione più “intima” del momento del ballo, inteso nella sua dimensione di ballo di coppia. Quello che colpisce è il movimento delle vesti femminili, la bellezza di certi dettagli, le espressioni delle figure coinvolte nella danza, i sorrisi dei danzatori. Renoir riproduce il mondo che lo circonda, un mondo urbano che corre verso l’età moderna con entusiasmo e voglia di vivere.

Renoir-Dance-at-Le-Moulin-de-la-Galette

Toulouse Lautrec invece è conosciuto per i suoi manifesti, per le riproduzioni di scene legate al famosissimo Moulin Rouge, e alle ballerine di can can. Dance at the Moulin Rouge del 1889 è uno di questi lavori particolarmente noti ma anche il Manifesto del 1891 realizzato appositamente per questo spazio aggregatore della vita parigina che ancora oggi è uno dei luoghi più visitati dai turisti di tutto il mondo.

Danza-al-MoulinRouge-Lautrec

Come non parlare poi delle meravigliose scene di vita delle ballerine francesi dipinte da Degas? Ritratte ora negli spazi teatrali, ora dietro le quinte, queste figure aggraziate, delicate ed esili manifestano in tutta la loro bellezza, l’armonia della danza, i sacrifici legati a questa straordinaria arte, lasciando emergere un universo di sensazioni, pensieri, di vita interiore.

Se ci addentriamo poi nel mondo dell’arte contemporanea, saremo sicuramente colpiti dalle esperienze dei pittori futuristi. Ballerina in blu di Gino Severini, risalente al 1912, è un’opera molto interessante sia per la scelta del tema che per la resa delle forme, per la scomposizione delle linee e per la loro ricomposizione nello spazio della tela. Il colore è un blu che tende al viola, un colore che riflette la luce, che diventa protagonista. Proprio il futurismo aveva enfatizzato il concetto del movimento, della velocità, del dinamismo della vita come elemento chiave per il progresso dell’umanità. La danza diventa così tema prescelto, espressione simbolica di questi concetti che fanno parte della storia collettiva.

Ballerina-blu-severini

Ancora oggi il connubio tra arte figurativa e danza è fortissimo e destinato a perdurare nel tempo dando vita a nuove composizioni cariche di significato ed emozioni. Indipendentemente dallo stile, dal linguaggio scelto, dall’epoca e dalle finalità della rappresentazione, la presenza del ballo nelle arti figurative è un fenomeno che fa puntualmente capolino all’interno della storia collettiva. Chissà quale nuova “danza” ci riserva il futuro delle arti!

L’arte figurativa e la danza ultima modifica: 2015-04-07T09:00:59+00:00 da luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *